Archivio della categoria: Esperienze

Avvento – Convertitevi! “E la luce di Gesù viva in te”

Vegliate! Convertitevi!
Il Signore comanda o guida?
Signore, sono anni che ci ripeti questo comando; siamo noi che diciamo di credere, che siamo praticanti, che siamo anche impegnati e magari aderiamo all’Ac che dobbiamo convertirci o piuttosto…
Scusa Signore la mia, la nostra tentazione di sentirci a posto; di aver accumulato una serie di bonus legati alla nostra presunzione e a quel poco di buono che riusciamo a combinare.
Sei tu che ci inviti a raddrizzare la nostra vita, a riconoscere che senza di Te siamo nulla, ad abbassare il nostro orgoglio.
“Per illuminare quelli che stanno nelle tenebre e nell’ombra di morte e dirigere i nostri passi sulla via della pace”.
Il versetto conclusivo del Benedictus ci ricorda che la visita del Messia è destinata a illuminare, a portare pace a tutte le genti. Le prime “genti” che hanno bisogno della luce siamo noi. La conversione cui siamo chiamati è una costante di vita. Solo così potremmo rispondere alla nostra vocazione di credenti fedeli, di discepoli inviati a portare luce.
“L’evangelizzazione di ogni uomo che vive nelle tenebre è come il sorgere della luna sul suo sentiero oscuro. Ma quel chiarore lunare è sempre il riflesso di un chiarore originario che è quello del sole. Il Cristo è il sole della terra, e per la notte di ogni uomo ci vuole qualcuno o qualcosa che rifletta la luce accogliendola prima su di sé. Far sì che la luce di Gesù viva in te è la condizione indispensabile perché tu possa illuminare qualche altro vicino a te” (C. Carretto, Al di là delle cose)

La ruota del carretto

Avvento – Vegliate! Siate pronti, scegliendo ciò che conta. Guardando avanti con speranza

Cosa significa oggi vegliare? essere pronti?
Certamente c’è una attesa e quindi occorre essere pronti ad accogliere chi sta per venire. Vegliare può consistere nel non lasciarci sorprendere, coinvolgere dalla mondanità, da ciò che ci può distogliere dall’essenziale.
Vegliare: scegliere ciò che conta, alleggerire lo zaino del nostro cammino. Un cammino iniziato con il Battesimo che è solo l’inizio di un pellegrinaggio. Siamo infatti pellegrini e non passeggeri trasportati dagli eventi, dalle mode, dai modi di essere appariscenti che non portano a nulla se non a delusioni, all’insoddisfazione.
Vegliare è…. per ciascuno di noi…
Vegliare è: disposizione ad accogliere, a incontrare.
Vegliare è: considerare quel che ho non come privilegio ma come mezzo.
Vegliare è: compiere il servizio che mi è chiesto con umiltà.
Vegliare è: guardare avanti con speranza, guardare il cielo per innalzare le cose della terra.
Vegliare è: attesa nella certezza di una presenza che non abbandona
«Questa esperienza della presenza di Dio in ogni cosa, in ogni situazione non è soltanto mia, ma è del popolo di Dio, cioè di coloro che credono, i figli di Abramo, come li chiama la bibbia. Ecco come si esprime il salmo 139 che è autentica esperienza di un popolo che si interroga lungo i secoli della storia: “Signore tu mi scruti e mi conosci, tu sai…”. L’esperienza della presenza di Dio nella natura, nella storia, in me è fondamentale. È sostanza della fede» (C. Carretto, Il deserto nella città).

La ruota del carretto

(nella foto, Casa San Girolamo – Spello, Cappella dell’Annunciazione, foto di S. Sorcini)

Arte e fede: nuova vetrata nella cappellina di San Girolamo

Casa San Girolamo è “casa”. Si sa. Lo sperimentano coloro che vi trascorrono qualche giorno, i gruppi che passano ma soprattutto i “volontari” ovvero quei laici e assistenti che la vivono di più. Sono le persone che accolgono, che guidano, che creano quel clima di fraternità e serenità che rende questa casa speciale. Sono coloro che la curano, anche nei minimi particolari proprio per fare in modo che ognuno possa sentirsi a casa. Anche le persone che, su richiesta del Comune, abbiamo accolto recentemente nelle iniziative sociali e culturali cui dà vita la città di Spello (premiazione dei Comuni Fioriti e Festa dell’Olio) hanno apprezzato lo stile che ormai abita casa San Girolamo.
Così, come sempre anche in queste intense giornate, Casa San Girolamo ha offerto il caloroso sorriso che accoglie e accompagna le persone alla cella designata, la massima attenzione all’ordine segno di rispetto e ospitalità, una tazzina di caffè che fa sempre piacere a chi arriva; una buona e semplice – ma amorosa – cucina (Andrea e Sofia); una diligente cura degli spazi comuni, in particolare il chiostro, sempre in ordine e fiorito, e il giardino (Sofia). Continua a leggere

Cristo Re: Dio con noi, e la storia diventa sacra

Il futuro è di chi ha un passato!”. Ricordo con il sorriso questo aforisma trovato in una vignetta di Lupo Alberto e lo trovo quanto mai appropriato se lo associamo ai 150 anni dell’Ac. Una storia lunga di cui siamo eredi e, nello stesso tempo, ne siamo i continuatori. E questo non sarebbe possibile se nel corso di un secolo e mezzo non si fossero succedute persone e azioni capaci di trasmettere di generazione in generazione la fede e di conseguenza la passione per il vangelo, per la testimonianza, per la missione.
Nella festa di Cristo Re siamo invitati a rinnovare la nostra decisione di essere nella storia con il segno della fede. E non posso dimenticare quel “Cristo regni” che si proclamava un tempo come saluto e come impegno di vita. Continua a leggere

San Girolamo: 15-17 dicembre weekend di spiritualità per i fidanzati con don Tony Drazza. Aperte le iscrizioni

 “Le parole che non ti ho detto”: è il titolo del weekend di spiritualità per fidanzati, proposto a Casa San Girolamo dal 15 al 17 dicembre 2017 a cura dell’area Famiglia e vita dell’Azione cattolica italiana.
«L’amore muove ogni cosa! L’amore, oltre che di gesti, è fatto anche di parole dolci, sussurrate nell’orecchio della persona che ami. In questo week end – afferma don Tony Drazza, assistente di Ac che accompagnerà il percorso –, mentre nell’aria si respira la bellezza del Natale, ci troveremo con i fidanzati che hanno voglia di ritrovare le loro parole d’amore. Perché l’amore è fatto anche delle parole che non ti ho detto…».