Archivi autore: gianni

Week-end fidanzati: “La meraviglia dell’amore”. A Casa San Girolamo dal 7 al 9 dicembre

Spello per l’Ac è il luogo del cuore; è il luogo della bellezza essenziale, e qui “essenziale” non sta per “poco” ma per “profumo”. Casa San Girolamo a Spello è il luogo dove ognuno di noi cerca il profumo, l’essenza della sua vita.
Quest’anno, dal 7 al 9 dicembre, ci vedremo con i fidanzati che hanno intenzione di “scoprire meraviglie”.
Che cosa si farà? Questa è la domanda di chi vuole organizzare tutte le sue cose e cercherà poi di “incastrare” le sue milioni di cose con il programma di quei giorni. La riposta alla domanda è questa: non faremo niente; non ci saranno cose da fare ma solo passi da decidere; non devi incastrare nulla semmai ti chiediamo di “disincastrare” (se riesci!).
Per chi ha voglia di partecipare ci vedremo a casa San Girolamo a Spello il 7 dicembre per le 19.00 e poi faremo cena alle 20. Faremo il nostro primo momento alle 21.30.
Finiremo domenica 9 dicembre dopo pranzo che faremo intorno alle 13.00.
Per iscrizioni: vedi il volantino.

Spello: Festa dell’Olivo, cultura, tradizioni, ospitalità… E Casa San Girolamo diventa scuola di valori

La 57ma edizione della Festa dell’Olivo e della Bruschetta, identificata come Oro di Spello, in cui il connubio tra l’olio e la fascia olivata (da Assisi a Spoleto) è una delle più antiche manifestazioni d’Europa, nasce come “Festa della Bruschetta” 56 anni fa, prima di evolvere in un Festival gastronomico. Si tratta di una manifestazione speciale, dove le tradizioni si incontrano con la cultura della città, e ora anche con l’enogastronomia, importante veicolo di promozione.
Anche l’edizione 2018 incontra la cucina italiana, la tappa di Girolio (iniziativa che l’Associazione nazionale Città dell’olio promuove in Italia per la valorizzazione dell’olio, del paesaggio e del turismo legato all’olio) e le tradizioni del passato. Il momento centrale della manifestazione rimane infatti strettamente connesso alla tradizione: domenica 18 novembre al mattino, per le vie del centro storico, si è svolta la sfilata dei “Carri della Frasca”, carri agricoli (realizzati dai Terzieri Porta Chiusa, Mezota, Pusterula), in cui viene riprodotto un albero di olivo arricchito da salumi, formaggi e frutta, quale premio di fine raccolta per il caposcala. Insieme ai trattori d’epoca e alle scene di vita contadina rievocano il giorno conclusivo della Festa della Benfinita, che chiudeva la stagione della raccolta delle olive.
Raccolta che ha coinvolto pure noi: per il secondo anno, ci siamo impegnati con due ulivi tanto cari per Casa San Girolamo, quello centenario presso la tomba di Fratel Carlo, e quello piantato nel 2010 in occasione dell’inaugurazione della Casa (i vasetti con le olive in salamoia saranno di nuovo offerti a tutti gli ospiti che frequenteranno la Casa che, anche in questo modo, potranno contribuire al mantenimento della struttura).
Le belle scene di vita contadina, di canti e balli popolari ci hanno fatto vivere una Spello diversa. Una Spello che è una delle sette città scelte a livello nazionale per parlare dell’olio extra vergine di oliva, alimento principe della dieta mediterranea, portatore di valori legati alla convivialità e allo stile di vita, celebrato in tutto il mondo. Una città che sa unire tradizione, valori, paesaggio, arte, cultura, lavoro, economia, nella quale non ci sentiamo “stranieri”. La nostra presenza non è solo rappresentata dalla collaborazione che offriamo al Comune ospitando a Casa San Girolamo gli chef che animano i vari appuntamenti gastronomici (in piazza, nei ristoranti e nei terzieri), ma dalla volontà e dall’impegno di “esserci” come collaboratori di senso, di pensiero, di relazioni, di coesione sociale, di responsabilità, di futuro, e di speranza.
E questo esserci lo abbiamo vissuto anche partecipando al convegno “Quando l’olio disegna il paesaggio: un motore per il turismo 2.0”, che si è svolto nella Sala dell’Editto del Palazzo comunale, dove abbiamo particolarmente apprezzato gli interventi del prof. Mauro Agnoletti (presidente Comitato scientifico Programma Gihas-Fao) sul paesaggio come motore di uno sviluppo sostenibile, e del prof. Fabio Forlani (dipartimento di Economia, Università degli Studi di Perugia) sul paesaggio tra patrimonio culturale e turismo. Argomenti che ancora una volta ci hanno fatto capire quanti siano gli aspetti della vita nei quali si intrecciano il nostro credere con la realtà e la storia di ogni uomo, e di ogni terra. Carlo Carretto, nella sua lunga opera di carità e formazione rivolta soprattutto ai giovani, è stato maestro di questo spirito, unendo il lavoro di recupero degli uliveti abbandonati presso i diversi eremi di Spello con la meditazione e la preghiera.
In questi tre giorni Casa San Girolamo è diventata scuola di valori anche attraverso i dialoghi semplici tra gli amici delle istituzioni locali, giornalisti, cuochi e artisti, persone che hanno a cuore il bello e il bene e che, in modi diversi, si prendono cura della casa comune.

Gigi Borgiani

Tappa a Spello per l’Ac di Mileto-Nicotera-Tropea


Una delegazione dell’Azione cattolica della diocesi calabrese Mileto-Nicotera-Tropea ha fatto tappa lunedì 22 ottobre a Casa San Girolamo. Gli ospiti erano diretti nelle Marche per presenziare all’ingresso in diocesi del neo vescovo di Camerino-San Severino Marche, mons. Francesco Massara, originario di Tropea. Una sosta a Spello, sulle orme di fratel Carlo Carretto, apprezzata da tutti i presenti: Paolo Giannini, presidente diocesano, Ivana Ventura, incaricata Adulti regione Calabria, Giuseppe Facciolo, Elena Profiti, Mary Ann Forelli, Giuseppe Suriano, Gianpiero Cannizzaro, don Domenico Romano, don Oreste Borelli, don Andrea Campenni.

Testimonianza: “Quei giorni a San Girolamo… Accoglienza, fraternità e respiro interiore”

È il 4 ottobre, festa di San Francesco, un buon auspicio per partire quest’anno verso “le colline della speranza”. Già da giorni il desiderio di Spello, meglio ancora di San Girolamo, ci mette gioia fraterna. Un anticipo dello spirito semplice di questa terra ci viene dalla sosta a Cannara nella quale conosciamo aspetti della vita di San Francesco quali l’istituzione, dopo la predica agli uccelli, del Terz’Ordine Francescano e il Sacro Tugurio dove il santo si riposava.
Povertà, preghiera e lode a Dio ci introducono nello spirito di San Girolamo. Bussiamo ancora una volta a quella porta che grazie all’attento servizio di altri fratelli ci viene aperta e i nostri volti prima cercano “il pozzo” simbolo di un’esperienza spirituale e poi s’illuminano.
Quella di oggi è un’Eucaristia che nel dono del Signore Gesù, a trent’anni dalla morte di fratel Carlo ci fa riaffiorare nel ricordo la sua voce ben chiara che ci dispone all’ascolto della Parola nel silenzio e nella contemplazione.
Per il nostro gruppo è tempo di lasciarsi guidare a comprendere, con l’aiuto di don Alessandro, il Padre Nostro, la preghiera che Gesù ci ha insegnato.
Quante volte l’abbiamo recitata ma senza consapevolezza. Dalle meditazioni abbiamo capito che Gesù insegnandoci questa preghiera ci ha fatto un dono senza tempo e che ogni volta che entriamo in preghiera rendiamo attuale e presente la paternità di Dio che ci viene donata nel Battesimo. Insieme, e a nome di tutti i figli di Dio, possiamo invocarlo come Padre. È la preghiera comune, recitata insieme dalla comunità che si allarga e abbraccia tutti universalmente.
 In questi giorni ci è stata proposta (5 ottobre) la proiezione del film “Il mio nome è Thomas” che ha suscitato un palese interesse per la persona attore-regista Terence Hill e ci ha fatto cogliere come il percorso di ricerca interiore diventa un cammino d’amore, di affidamento che, per la co-protagonista (una giovane ragazza piena di vita, ma gravemente malata), si fa fiducioso abbandono nel momento della consegna della vita.
Un’attenzione merita la presentazione del libro “Carlo Carretto ieri e oggi” (6 ottobre), curato da Gianni Borsa. In teatro, il susseguirsi di interventi ha rilanciato la figura di fratel Carlo che nel libro ci viene delineata con freschezza e originalità. Mi piace inoltre rilevare i sentimenti di amicizia e gioia che animavano i partecipanti che ho avuto modo di accogliere all’ingresso. Segni tangibili della presenza di fratel Carlo, allora come ora.
Casa San Girolamo grazie, sei esperienza di accoglienza, fraternità e respiro interiore.

Teresa Tosetto

A Spello tre giorni in ascolto dell’“innamorato di Dio”

C’è molto dello stile di fratel Carlo Carretto nella tre giorni organizzata a Spello dall’Azione cattolica e i Piccoli Fratelli Jesus Caritas per far memoria dei trent’anni dalla sua morte, avvenuta nel Convento di San Girolamo (ora Casa San Girolamo, gestita dall’Azione cattolica italiana) proprio il 4 ottobre del 1988. C’è la preghiera, che non manca mai quando si parla di fratel Carlo, e la memoria liturgica, con le due celebrazioni in sua memoria. Ma c’è anche il popolo, con un Teatro Subasio pieno di gente intervenuta per vedere il film “Il mio nome è Thomas” e per salutare dal vivo l’attore Terence Hill, il famoso don Matteo televisivo, che ben volentieri ha stretto mani e firmato numerosissimi autografi. Un pubblico che ha seguito quasi in religioso silenzio la trama del film, quel film che Terence Hill ha voluto scrivere e interpretare prendendo spunto dal famoso libro di Carlo Carretto, “Lettere dal deserto”. Un film (alla cui proiezioni era presente anche Matteo Truffelli, presidente nazionale di Ac) denso, molto bello, poetico, costruito, secondo le parole dello stesso Terence Hill, sulla figura profetica di Carlo Carretto, che lui ha conosciuto negli anni Ottanta attraverso i suoi libri (“anche in America, dove io vivevo – ha detto Hill – i libri di Carretto erano conosciutissimi. Io stesso ne ho una ventina”). “Una persona, Carretto – ha osservato Terence Hill – che ha saputo parlare semplicemente di Gesù e anche di Maria, con un linguaggio che parla al cuore del cristianesimo contemporaneo”.

Un bagno di folla, quindi a Spello, ricordando fratel Carlo. Oltre la visione del film, c’è stata un’ulteriore riflessione sulla sua figura attraverso la presentazione del libro edito dall’Ave, “Carlo Carretto ieri e oggi”, con la partecipazione di Gianni Borsa, curatore del libro, e di Paolo Maria Barducci, priore dei Piccoli Fratelli di Jesus Caritas, insieme e Michele Tridente, vice presidente nazionale per il Settore Giovani di Ac.
Per il priore, Carlo “è l’innamorato di Dio, colui che ho conosciuto da giovane e mi ha aiutato nel mio cammino esistenziale e spirituale”. “Carretto è sempre stato un uomo di Azione cattolica, amico dei giovani. Mi disse con una dedica: Paolo, il tuo deserto è a buon punto”. E poi, raccontando della sua ordinazione sacerdotale, il priore ha spiegato quando Carretto gli disse: “tu devi essere prete cosi. Come il servo sofferente”.
Un uomo che sapeva trasportare in particolare i giovani. In questo senso, Michele Tridente, pensando anche al Sinodo sui giovani in corso in questi giorni, ha voluto portare l’esperienza di una generazione che crede in questa Chiesa sinodale. “Carlo era una persona che ascoltava e accompagnava, due parole chiave di questo Sinodo”. Perché Carretto entusiasma i giovani? Perché, per Tridente, “Carretto era essenziale. L’essenzialità piace ai giovani. Piace una Chiesa essenziale, umile. E poi ci piace di Carlo la ‘sorpresa’. Quella sorpresa voluta da Dio. Questa sorpresa è un qualcosa che ancora entusiasma il cammino di noi giovani”. In fondo, conclude Tridente, “la vita di un buon cristiano è una vita missionaria. Una missionarietà che guarda lontano, che sa aprire strade di buona speranza”.

Il libro, spiega Gianni Borsa, curatore del volume, racconta “il Carretto vivo oggi, non fa solo memoria di un testimone di profezia. Ed è una storia di coerenza di vita, quel radicamento nella Bibbia che si fonda sull’ascolto degli altri”. [gds]

[si ringrazia Ennio Angelucci per il servizio fotografico]